top of page

TURISMO MARITTIMO

GENERALITÀ DEL TURISMO MARITTIMO

Il turismo marittimo combina la vela e la nautica con le attività disponibili nelle vacanze al mare. Si piò viaggiare da un porto all’altro in una nave da crociera, o unirsi a eventi centrati sulla barca come regate, provare sferzate di adrenalina mentre si utilizzano mezzi come moto d’acqua, pranzare su una piccola barca o altre attività ricreative in appositi approdi. È una forma di turismo che è generalmente più popolare in estate.


Il turismo marittimo non è solo un modo piacevole per vedere luoghi particolari in giro per il mondo, è anche un settore molto redditizio. La fornitura di attrezzature e accessori per queste attività ha dato origine a società per questi scopi. Con molti appassionati di nautica che vivono a bordo dei loro yacht nel porto, i turisti nautici portano la domanda per una varietà di beni e servizi. I porti sviluppati appositamente per i turisti sono stati costruiti in Europa, Sud America e Australia.


SERVIZI TURISTICI DISPONIBILI

Alcuni dei servizi turistici disponibili presso i porti turistici per i turisti nautici includono:

  • Noleggio di posti barca per velieri e turisti nautici che vivono a bordo.

  • Noleggio di imbarcazioni a vela per uso turistico e ricreativo (charter, crociere e simili),

  • Ricevimento, custodia e manutenzione delle imbarcazioni a vela.

  • Fornitura di scorte di viaggio (acqua, carburante, forniture, pezzi di ricambio, attrezzature e simili).

  • Preparare e tenere in ordine le imbarcazioni a vela.

  • Fornire informazioni agli appassionati di nautica (previsioni meteo, guide nautiche ecc.)

  • Noleggio di moto d’acqua e altre attrezzature acquatiche.

TURISMO MARITTIMO ECOLOGICO

Il turismo ecologico intende qualsiasi tipo di turismo e svago nella natura che non danneggi i complessi naturali, contribuisca alla protezione della natura e migliori il benessere del posto.


Questo concetto e fenomeno è dovuto a due tendenze mondiali:

  • la globalizzazione e la diversificazione del business turistico;

  • l’aggravamento dei problemi ambientali.

Attualmente, l’industria del turismo è uno dei settori più importanti dell’economia per molti paesi e comunità in tutto il mondo.



TRASPORTO D’ACQUA NEL TURISMO MARITTIMO

Il trasporto marittimo è una delle fonti di inquinamento cronico dell’ambiente marino e una minaccia di fuoriuscite di petrolio, che possono causare danni irreparabili alla natura altamente vulnerabile.


Il rischio ambientale del trasporto marittimo è costituito da due componenti: operativo e di emergenza, di cui è difficile stabilire quale delle due sia più pericolosa, in quanto entrambe portano ad un avvelenamento cronico dell’intero mare.


L’inquinamento derivante dal funzionamento di navi, porti e imprese di riparazione navale viene generato e scaricato costantemente, anche se in quantità relativamente piccole. In caso di sversamenti accidentali, si verificano scarichi a raffica di una grande quantità di inquinanti, ma sono limitati all’area dell’incidente e ai territori adiacenti.


Ossidi di azoto, monossido di carbonio (monossido di carbonio), ossido di zolfo: ma l’inquinamento atmosferico non è la cosa peggiore. Il 60% degli impatti negativi sono l’inquinamento acustico, le vibrazioni non caratteristiche della biosfera marina e fluviale, la corrosione delle navi in acqua e, soprattutto, le fuoriuscite di petrolio su larga scala in caso di incidenti. In una parola, la vita marina è la prima a soffrire del trasporto sull’acqua. E dalle onde artificiali a volte muoiono anche avannotti di pesce e altri organismi acquatici: molluschi, spugne, crostacei.


SCELTA ECOLOGICA PER IL TURISMO MARITTIMO

La navigazione marittima pulita è la ricerca di un trasporto marittimo più sostenibile. Il raggiungimento di questo obiettivo implica l’applicazione di nuove tecnologie, il cambiamento del comportamento e delle condizioni in una serie di luoghi specifici a bordo e a terra e l’adozione di misure globali.


L’innovazione tecnologica, oltre alle politiche, sarà cruciale per raggiungere una navigazione a basse emissioni di carbonio o a emissioni zero. Istituti di ricerca accademici, laboratori governativi e aziende stanno sperimentando l’elettrificazione; carburanti a zero o a basse emissioni di carbonio come l’idrogeno, il gas naturale, l’ammoniaca e i biocarburanti; e fonti di energia alternative come le celle a combustibile e l’energia solare, eolica e delle onde. Ognuno ha i suoi pro e i suoi contro.


DECARBONIZZAZIONE PER IL TRASPORTO MARITTIMO

La International Chamber of Shipping chiede la decarbonizzazione del settore entro il 2050. A tal fine, l’organizzazione propone di creare un fondo con un budget nell’ordine dei miliardi di dollari per lo sviluppo di tecnologie verdi per lo shipping e per imporre alle compagnie di navigazione una tassa sul carbonio per tonnellata di olio combustibile consumato.


Sebbene il trasporto marittimo possa effettivamente raggiungere zero emissioni di carbonio entro la data prevista, il raggiungimento dell’obiettivo richiederà molti elementi diversi, tra cui:

  • Regolazione dell’efficienza energetica;

  • Aumento della produzione di combustibili alternativi;

  • Creazione di un meccanismo globale per la determinazione del prezzo delle emissioni di carbonio;

  • Sviluppo di “incentivi” per i pionieri per l’introduzione di nuove tecnologie nel settore;




PREVISIONI DEL MERCATO GLOBALE PER LE MOTO D’ACQUA

Secondo Allied Market Research, una società di ricerche di mercato, il valore complessivo globale nel 2021 del mercato della moto è stato pari a 105,5 miliardi di dollari con una prospettiva di crescita notevole: le proiezioni parlano di un tasso di crescita (CAGR) dell'8,6% nel periodo 2022-2031 per arrivare a un valore complessivo di 233,51 miliardi di dollari.


In particolare, la crescita - come è piuttosto lecito aspettarsi - si stima che sarà ancora più sostenuta nel mercato Asia-Pacifico (9,7%) nel periodo considerato grazie anche a un reddito in crescita, alla necessità di affrontare il traffico, all'occupazione in aumento, mentre driver per la crescita vengono - tra gli altri - individuati nella domanda di mobilità elettrica e nella maggiore ricerca di comodità e sicurezza nell'ambito del trasporto su due ruote.


Riguardo il maggiore impatto dei veicoli elettrici, la ricerca evidenzia come cause anche le varie campagne che i governi di tutto il mondo stanno attuando attraverso incentivi per facilitare l'acquisto di un veicolo a due ruote elettrico, citando anche le iniziative del governo indiano riguardo la riduzione delle imposte sui veicoli elettrici dal 12% al 5%, non trascurando di segnalare gli sforzi per adeguare le infrastrutture necessarie.


Demix Group in collaborazione con il gruppo CSF DEVELOPMENT, specializzato dal 1987 nella creazione di concetti di innovazione nautica, sta sviluppando i progetti BARTING e Concept Barting. Il Barting è un modello di moto d’acqua elettrica innovativa, con limitata concorrenza sul mercato, ancora in fase di ricerca & sviluppo, con qualità e prestazioni previsionali eccezionali per velocità, autonomia, sicurezza, energia, intelligenza, ecologia ed ergonomia. Mentre il Concept Barting è un centro ricreativo, incentrato sulla pratica nautica per il tempo libero di tutta la famiglia, la cui attività centrale è la pratica del “Karting nautico”.


PER MAGGIORI INFORMAZIONI CONTATTATECI!

11 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Comments


Post: Blog2_Post
bottom of page